Martedì, 17 Maggio 2016 10:39

Formazione Dirigenti In evidenza

Scritto da 

Il CAI Emilia-Romagna, sulla base delle direttive dal CAI Nazionale, ha dato l'avvio ad una fase di sperimentazione del Piano Formazione Dirigenti (PFD) dedicato alle Sezioni. Lo scopo è dare supporto alle Sezioni su tematiche di interesse per la vita sezionale, adempiere al meglio agli obblighi statutari, sostenerle ed indirizzarle nello sviluppo organizzativo, comunicativo, e di collaborazione. L'obiettivo finale è quello di promuovere al meglio le attività sezionali, dare spazio e valorizzare le diverse qualità dei collaboratori e sviluppare adeguatamente l'attività sezionale anche al fine di incrementare la base sociale.

 

Il primo si è tenuto il 17 e 18  ottobre 2015, presso il Rifugio  CAI Città di Forli, ed aveva per tema principale la mappatura e lo sviluppo delle attività di sezione, il coinvolgimenti dei soci/collaboratori, la delega, la comunicazione. Le giornate del 17 e del 18 ottobre hanno rappresentato una prima sperimentazione di metodo e sono state utili anche per definire le ulteriori esigenze formative.

Questo il programma svolto:

INCONTRO DI FORMAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SEZIONE CAI

Un fine settimana di confronto e scambio aperto a tutti coloro che partecipano attivamente alla vita di Sezione Rifugio Citta di Forli - sabato 17 e domenica 18 ottobre

 

PROGRAMMA

Sabato 17 ottobre

Mattino:

Presentazione attività formativa – Presidente CAI Emilia Romagna

Presentazione delle giornate e attività – a cura dei docenti

Le attività di sezione - Mappatura delle attività di Sezione

I ruoli e le figure operative e decisionali nella sezione per la costruzione delle attività

Esercitazione di gruppo

 

Pomeriggio:

La comunicazione in sezione - L’importanza della comunicazione in sezione - Collaborazione e circolo delle informazioni

Modalità di promozione dell’attività socio culturale nella propria area territoriale

L’uso dei Social Network

 

Il Bilancio delle associazioni

Il Bilancio come rappresentazione delle attività sociali

 

Domenica 18 ottobre

Gestione delle attività di sezione e relazioni - L’utilizzo della delega all’interno delle sezioni, saper delegare mantenendo il controllo delle responsabilità

Lo stile di leadership più consono alla realtà si sezione

La valorizzazione delle risorse disponibili

I giovani come valore e come risorsa non solo esecutiva. Individuazione e crescita per uno

sviluppo futuro

I rapporti con l’utenza e con le figure istituzionali – reti di relazioni - Tutela e sviluppo della base sociale.

Rapporti con Enti pubblici e con altre Associazioni e realtà operative del territorio

 

Le due giornate hanno visto una interazione molto attiva da parte dei partecipanti, e il percorso si è articolato a partire dai principi base che promuovono un senso di appartenenza e di “volontariato”,  per attraversare le numerose attività richieste in sezione e i diversi ruolich possono/devono ricoprirle, per arrivare a condividere la centralità e il valore delle collaborazioni e delle relazioni, del riconoscimento dell’impegno e della passione, l’importanza della qualità della comunicazione. Si è cercato di individuare  “assieme” delle buone norme e pratiche di comportamento. Si è approfondito in modo abbastanza dettagliato il concetto di delega, e delle modalità di leadership che sono più consone ad ambienti di volontariato.

 

In allegato è possibile scaricare il pdf dei risultati dell’incontro

Docenti: Roberta Marchi (attività di sezione, comunicazione, delega, social network)  – Vinicio Ruggeri  (sviluppo base sociale e rapporti con le istituzioni)– Antonella Monti (bilancio)

In occasione di questo incontro, sono emerse necessità di approfondimento formativo, direttamente da proposte di partecipanti e analizzando gli spunti emersi dalle numerose domande da parte dei partecipanti. Ed è in questo senso che intende procedere il CAI Regionale; sviluppare piani formativi che siano occasione di incontro e scambio, e che rispondano ad esigenze reali e concrete delle sezioni.

 

Due principali approfondimenti

·         Bilancio e gestione amministrativa delle sezioni

·         Giovani: possibilità di approccio, coinvolgimento e sviluppi nelle attività CAI

 

Proprio sul primo dei due punti ha presso spunto il secondo incontro formativo, che si è svolto a Bologna, presso la sede CAI di via Stalingrado 105,  dal tema Le attività amministrative di sezione

L’incontro si è svolto il 7 maggio 2016, con la presenza di partecipanti di 13 sezioni.

 

Questo il programma svolto

INCONTRO DI FORMAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SEZIONE CAI

Una giornata di approfondimento sui temi civilistici, amministrativi e fiscali dedicato a tutti coloro che partecipano attivamente alla vita di Sezione

sabato7 maggio 2016 - presso la Sezione CAI “M. Fantin” - Bologna via Stalingrado, 1051

Questa sessione, che fa seguito a quelle del 17 e del 18 ottobre 2015, si propone di approfondire i problemi amministrativi della sezione e le sue interrelazioni con i soggetti esterni.

 

PROGRAMMA

Mattino:

Apertura lavori e saluti

le sezioni CAI Persone giuridiche e le norme civilistiche e fiscali che le governano

Il patrimonio sociale e la contabilità, organizzazione amministrativa della sezione, il rendi conto

 

Pomeriggio:

Il programma contabile per l’amministrazione della sezione, il piano dei conti semplificato Breve introduzione sulle origini di CAIgest. Illustrazione delle caratteristiche ed indirizza mento alle tipologie di Sezioni CAI cui è orientato. Operatività in locale ed in rete geografica. Descrizione delle 3 fasi funzionali operative.

Il piano dei conti di una Sezione più articolata e approfondimenti sulle voci di bilancio

Applicazione pratica e prove di utilizzo del programma CAI GEST: Installazione – Adegua mento del Piano dei Conti alle caratteristiche della Sezione – Operatività ricorrente - Stampe/Grafici/Bilancio Relatore Gianni Caramia

Dibattito e quesiti

 

Docenti:

Giancarlo Colucci – personalità giuridica, norme civilistiche e fiscali

Marino Bernardinelli – organizzazione amministrativa della sezione e patrimonio sociale

Gianni Caramia 1 – il programma contabile per l’amministrazione della sezione – il piano dei conti semplificato – il software CAIgest– applicazioni pratiche -

 

Emerge l’importanza della corretta configurazione della natura della sezione -  che non è una emanazione territoriale del CAI centrale ma entità autonoma -  e delle implicazioni e vantaggi che scaturiscono dalla configurazione della natura giuridica della sezione.

Interessanti sono state e indicazioni fornite su quanto sia utile ed importante indicare in sede di Statuto delle sezioni, oppure sui criteri di classificazione delle diverse attività di sezione e dei relativi adempimenti, in relazione alla natura istituzionale o commerciale della attività svolta, ove la preponderanza della attività Istituzionale all’interno delle Sezione debba essere garantita,  e ancora dei casi in cui sia necessaria l’apertura di una partita IVA. Interessanti anche gli spunti sulla partecipazione di non soci alle attività istituzionali. Molti i temi messi sul tavolo dalla platea.

In  occasione dell’incontro è stato presentato un dettaglio di bilancio esemplificativo, con modalità di classificazione delle singole voci che lo compongono.

E’ stato altresì illustrato il sistema informatico di gestione di bilancio delle sezione CAI GEST, software predisposto ad hoc per la redazione di bilancio delle sezioni CAI e già adottato da diverse sezioni di tutt’Italia, che è stato distribuito gratuitamente ai partecipanti, autorizzato dalla società proprietaria del software medesimo, presente all’incontro. Chi lo utilizzerà può concordare direttamente con la Società le modalità di installazione e utilizzo.

Questo software può essere richiesto dalle sezioni non presenti all’evento, che riceveranno una chiavetta di attivazione, il cui costo è a carico del CAI Regionale.

Il materiale didattico è stato distribuito direttamente ai partecipanti alla giornata formativa, previa autorizzazione dei docenti

Per informazioni formative/ di contatto :- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

In occasione di questo incontro, sono emersi ulteriori richieste di approfondimenti formativi:

·         Approfondimenti sulla gestione delle sezioni che non godono della personalità giuridica. Modalità di richiesta e riconoscimento. Tutele e indicazioni di gestione.

·         Coperture assicurative e responsabilità civile (eventualmente abbinato all’argomenti precedente)

·         Accompagnamento minori: responsabilità e buone pratiche

·         Compiti gestionali e amministrativi delle sezioni; approfondimenti e casistiche pratiche: giornata dedicata a casistiche delle sezioni.

·         Miglioramento delle competenze comunicative e relazionali delle sezioni, verso i soci, le istituzioni, e collaboratori

 

E’ importante sottolineare che nell’occasione di questi incontri formativi stanno emergendo spunti e argomenti da approfondire e portare all’attenzione, oltre che del CAI regionale, anche e soprattutto del CAI centrale, creando reale occasione di confronto e coinvolgimento delle sezioni nei processi di sviluppo del sodalizio.